19 aprile 2016

Smokey eyes

Lo smokey eyes è un trucco che più che una tendenza o una moda è diventato ormai un classico senza tempo. Gli "occhi fumanti" nascono nell'antico Egitto, è stata Cleopatra a lanciare la moda dello sguardo bi-strato di kajal, forte probabilmente di una fisionomia particolarmente favorevole. Facendo un salto di un po' di secoli è stato lanciato negli anni '20 come trucco che prevedeva occhi languidi e pieni di drammaticità, per vivere una stagione di gloria negli anni ’80. Da allora, non è mai scomparso e lo si vede sui red carpet, in passerella, nei photoshoot e nella vita di tutti i giorni.

Ha regole ferree, che resistono alle variazioni sul tema.

La prima cosa da tener presente per la realizzazione di un perfetto smokey eyes è che la tecnica non prevede né linee decise, né grafismi, anche se spesso viene abbinato anche a eyeliner e tratti marcati. Come suggerisce il nome, si tratta di un effetto sfumato e impalpabile: ombretto, matita e kajal si fondono insieme per rendere lo sguardo seducente ed intenso.

Lo smokey viene realizzato usando tonalità simili fra loro. I toni del grigio e del nero sono quelli classici, ma nessuno vieta di realizzarlo in altre nuance. Molto belle, ad esempio, quelle che puntano su marrone freddo e bronzo. Oltre ad essere più luminosi e facilmente abbinabili, con il vinaccia, con il burgundy, con il verde, sono colori più facili da gestire, rispetto al nero che si macchia facilmente. I fattori che possono aiutare a scegliere di che colore fare lo smokey sono il colore o la forma degli occhi e la tonalità della pelle. In un make up di grande impatto come questo è molto importante rispettare i propri colori, altrimenti si ottiene l’effetto opposto di appesantire, o peggio, mortificare il viso. Se si ha la pelle molto chiara non è consigliabile uno smokey nero perché tenderebbe a nascondere e non a valorizzare. Lo stesso discorso vale per chi ha gli occhi piccoli, è meglio prediligere i colori chiari che tendono ad ingrandire.  Per chi ha gli occhi azzurri sono consigliabili i colori caldi che andranno a contrastare con il freddo dell’azzurro e tireranno fuori tutto il colore e l’intensità dagli occhi. Quindi toni sul bronzo, il dorato o qualsiasi colore che contenga pigmenti di tonalità calde. Gli occhi verdi risaltano moltissimo truccati in tutte le sfumature di verde. Anche per gli occhi verdi però usare il colore opposto e tutte le sue sfumature creerà contrasto e andrà a far risaltare l’occhio, in questo caso il viola in tutte le sue tonalità, dal rosa al lilla. Per chi ha gli occhi marroni i colori più consigliabili sono il grigio e il blu che faranno risaltare molto gli occhi scuri.

Lo smokey si adatta a quasi tutte le tipologie e le forme del viso o degli occhi. Maggiore attenzione si deve prestare al viso tondo e agli occhi piccoli, vicini o all'ingiù. Il primo necessiterà di un trucco occhi maggiormente sfumato verso l'esterno. I secondi dovranno essere truccati con poco ombretto, evitando possibilmente il kajal nella rima inferiore.

Una volta scelti i colori bisogna assicurarsi di avere gli strumenti giusti: qualcuno ancora applica gli ombretti con le dita, ma per un risultato migliore è sempre consigliabile usare i pennelli. Quelli che servono sono quello classico da ombretto con la punta arrotondata e quello da sfumatura.

Si dovrebbe usare un correttore o un primer per ombretti allo scopo di preparare le palpebre prima di creare il trucco. Si può utilizzare il pennello da correttore durante l’applicazione.

Come ombretti per lo smokey è meglio usare quelli in polvere libera che permettono di sfumare con maggiore precisione, il che è necessario per ottenere un risultato eccellente.

È facoltativo applicare anche l’eye-liner sopra agli ombretti per accentuare il trucco, si consiglia quello liquido o in gel che daranno un finish più definito e adatto al trucco. In alternativa è possibile utilizzare una matita per occhi che dà un look più morbido.

Solitamente si parte dalla base trucco sul viso, ma, essendo un trucco molto sfumato, le polveri dell’ombretto possono cadere sul viso e sporcare la base quindi è meglio rimandare la base alla fine.

Molto importante è l’applicazione del correttore. Se infatti non si correggono le occhiaie, queste saranno ulteriormente amplificate dal trucco scuro e pesante sugli occhi.

Un dettaglio tutt’altro che insignificante quando si realizza uno smokey eyes, infine, sono le sopracciglia. Occorre definirle e curarle perché altrimenti rischiano di perdersi in mezzo ad un look molto forte, finendo troppo in secondo piano.



0 commenti:

Posta un commento